Dott.ssa Annalisa Rausei  +(39) 349.3241594   scrivi una mail
BLOG DI PSICOLOGIA, BENESSERE, CRESCITA PERSONALE

Essere famiglia

Essere famiglia

Sono tante le definizioni che si possono dare di famiglia. C’è chi la paragona ad un sistema, fatto di elementi che tra di loro si intrecciano e comunicano, formando altri sottosistemi, più piccoli ma ugualmente significativi.

Chi pensa ad essa come ad un modo per difendersi dal mondo esterno che delude e fa soffrire, e si rifugia in essa, costruendo confini solidi ma a volte troppo invalicabili.

O ancora c’è chi fa di tutto per averla, come un miraggio di felicità e poi si stufa anche di essa e passa il tempo a desiderare la libertà che la famiglia, inevitabilmente, toglie. Tanti sono i modi di pensarla e di viverla, e tante le conseguenze che questo modi hanno su chi ne fa parte, soprattutto i figli.

Famiglie troppo chiuse in se stesse sono castranti, non permettono facilmente la crescita dei figli, perché crescere significa lasciare, e provocare nei genitori sentimenti di abbandono, e rimandano un’idea del mondo come di un luogo pericoloso, dove si può soffrire.

Famiglie dove non si “sente”più, ma si sta insieme solo per abitudine o paura del cambiamento, sono luoghi aridi in cui si cresce, certo, ma se il corpo e la mente verrano egregiamente nutriti, così non sarà per lo spirito, che avvertirà la mancanza di passione e senso, tra le maglie dei legami.

Perché tante sono le informazioni che passano in una famiglia, molto più di quelle che pensiamo e la maggioranza forse per lo più inconsce e non verbali. Gli sguardi che due genitori si scambiano, in frazioni di secondi all’apparenza trascurabili, il linguaggio del corpo, le vicinanze e i rifiuti che viso, braccia e mani comunicano esistono, anche se non trovano veicolo nelle parole. Così come le emozioni che circolano tra i membri della famiglia, più o meno consce, e che sono sinonimo di gioia e soddisfazione o di frustrazione e insofferenza per dover (e si spera volere) stare insieme.

Ogni giorno accadono innumerevoli contatti, scambi, fatti di emozioni e cose non dette che, come una piccola goccia che cade con ostinazione nello stesso punto portano alla lunga ad effetti forti e durevoli nel tempo. E sta a noi decidere di cosa questa goccia è fatta, di che tipo di sensazioni e vissuti è portatrice.

Può essere fatta di amore, passione, voglia di stare insieme e crescere insieme, giorno per giorno, e sentirsi nutriti, dentro, da questi scambi, andando a formare una struttura forte, ma che non soffochi, tenace ma non invalicabile. Ovvero un “luogo” di amore e rispetto da cui si può uscire e rientrare, allontanarsi per crescere e poi tornare per consolarsi e recuperare le energie.

Oppure si può non decidere di cosa è fatta, e quindi non ascoltare l’insoddisfazione e il malcontento che si hanno dentro, e ignorarli volutamente, per paura di doverli poi affrontare, raccontando magari a se stessi che: “è così che vanno le cose, dopo tanti anni…“.

E allora si respireranno sentimenti di ambivalenza e si crescerà con l’idea che vada bene così, restare anche se non si vuole, non provare a cambiare nulla oppure, all’opposto, fare il possibile per fuggire, al più presto, e non tornare mai più.

La scelta sta sempre a noi, sempre e comunque, nonostante quello che abbiamo ricevuto e il tipo di storia che abbiamo alle spalle, perché qualcosa, pur se poco, si può fare, e in alcuni casi, sa di rivoluzione.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Presente su:

Idea Psicologo
Ordine Psicologi della Lombardia

Contatti

Bareggio (Milano): Via IV Novembre, 109
Cornaredo (Milano): Piazza Dubini, 21 B
+(39) 349.3241594
scrivi una mail
P.IVA 00030008882
C.F. RSANL78H61H264H
Iscrizione Ordine Psicologi Lombardia n. 9860

Follow Me ;)

google_pluslinkedin