Dott.ssa Annalisa Rausei  +(39) 349.3241594   scrivi una mail
BLOG DI PSICOLOGIA, BENESSERE, CRESCITA PERSONALE

DONNE CHE “ASSUMONO” UOMINI

Tante donne oggi si lamentano del proprio compagno, che è poco partecipe alla vita familiare e spesso poco propenso a farsi carico delle responsabilità e dei doveri, non pochi quando si hanno in comune una casa e dei figli.

Se a volte il rischio, con questo argomento, è quello di ricadere negli stereotipi (la donna fa tutto, l’uomo evita gli impegni) è pur vero che qualcosa di fondato c’è, così come è tangibile la difficoltà di comprensione esistente oggi tra i sessi.

I ruoli familiari nella società hanno visto un notevole cambiamento e, nell’arco di non così tanti anni, abbiamo assistito allo stravolgimento di abitudini vecchie di secoli e le abitudini, si sa, sono dure a morire. Ma, tralasciando questo aspetto quella questione, vale la pena concentrarsi su quello più psicologico e introspettivo per venirne un po’ a capo.

Le femmine oggi sembrano più che altro pretendere dai maschi, come una sorta di riscatto di qualcosa di dovuto. Vogliono cioè che i maschi si facciano carico dello stesso livello di fatica che loro portano (o sop-portano), non certo per scelta, ma per volontà della Natura e delle aspettative sociali.

Quello che sbagliano, secondo me, è il modo, spesso aggressivo e direttivo con cui fanno questo tipo di richiesta. Esigono. E soprattutto tante vogliono che l’uomo le aiuti e lo faccia come dicono loro e nello stesso modo e tempi. Non rispettando le differenze personali e di genere, ma chiedendo al compagno di comportarsi come una copia di loro stesse, lasciandogli quindi poco spazio e libertà di espressione.

Se va bene l’uomo tutto questo lo rifiuta, perché lo porta a sentirsi frustrato, ed è giusto, sacrosanto, che non lo accetti. Se va male lo fa, passivamente, annullando un po’ se stesso e patendo in silenzio.

Quello che voglio dire è che l’uomo DEVE prendersi carico delle fatiche della propria donna, che non è più solo casalinga (che comunque non è poco) ma si realizza anche fuori casa ma è giusto che lo faccia A MODO SUO, e la donna questo lo deve capire.

Non posso chiedere aiuto ma accettarlo solo come dico io, altrimenti non è un compagno che voglio, ma un sottoposto! E questo, se ho a che fare con un maschio vero, è inaccettabile, perché castrante dal punto di vista psicologico.

Quindi, io credo, che il primo punto sia quello di rendersi conto del modo in cui si chiede, dell’atteggiamento e capire da cosa proviene, da che tipo di aspettativa. Come al solito insomma, il punto di partenza consiste nel guardarsi dentro.

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Presente su

Ordine Psicologi Lombardia Psicologi Online Annalisa Rausei

Contatti

Bareggio (MI): Via IV Novembre, 109
Cornaredo (MI): Via San Martino, 22
Milano: Via Millelire, 13
+(39) 349.3241594
annalisa.rausei@gmail.com
Form di Contatto
P.IVA 00030008882
C.F. RSANL78H61H264H
Iscrizione Ordine Psicologi Lombardia n. 9860

Follow Me ;)

Facebooklinkedin